Newsletter - Download - Media - Lavora con noi - Formazione -

La Svizzera vuole abbatere i lupi

E-mail Stampa PDF

Lupo - Foto di Andrea ZampattiDopo oltre 10 anni dal ritorno della specie sul monti elvetici non ci sono ancora prove della formazione di coppie o branchi...ma ancora non basta

Non soddisfatti, il 16 novembre 2011 il Consiglio federale ha approvato una proposta di modifica della Convenzione di Berna, che dovrebbe consentire alla Svizzera di formulare delle riserve sul lupo al fine di poter autorizzare più agevolmente gli abbattimenti.

Questa modifica è stata chiesta dal Parlamento, che ha adottato una mozione in tal senso del Consigliere agli Stati Fournier. La Svizzera sottoporrà questa proposta alla Convenzione di Berna.

 

La modifica riguarda l'articolo 22 della Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa (Convenzione di Berna), secondo il quale i Paesi possono esprimere delle riserve sulle specie soggette alla Convenzione soltanto al momento della loro adesione. Nel 2010, il Parlamento ha accolto la mozione Fournier che chiedeva l'emendamento dell'articolo affinché gli Stati possano formulare delle riserve se le circostanze sono manifestamente cambiate dal momento della firma dell'accordo.

In sostanza, proteggere il lupo andava bene quando la specie non era presente sul territorio, mentre oggi che è il lupo è tornato davvero la sua protezione è un po' meno auspicabile.

Il 16 novembre 2011, il Consiglio federale ha approvato l'aggiunta di un nuovo comma all'articolo 22 della Convenzione che concretizzi le decisioni del Parlamento. Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) sottoporrà questa proposta alla Convenzione di Berna.

Per entrare in vigore, la modifica dell'articolo deve essere approvata da tre quarti dei membri del Comitato permanente della Convenzione, dal Comitato dei ministri e, in seguito, da ogni Parlamento nazionale.

Nel caso in cui la modifica dell'articolo 22 fosse approvata dalla Convenzione, il Consiglio federale dovrà formulare una riserva concernente il lupo, nella quale ne autorizza la caccia in Svizzera secondo la mozione Fournier adottata dal Parlamento. Se invece la proposta verrà respinta, il Consiglio federale dovrà, sempre secondo i termini della mozione, disdire la Convenzione al fine di esprimere tutte le riserve necessarie al momento di una nuova ratifica.

Per comprendere a pieno la grave responsabilità che la Svizzera si assume nel mantenimento di un cattivo status di conservazione della specie sul suo territorio e conseguentemente sulle Alpi centrali, è sufficiente considerare che mentre gli abbattimenti in Svizzera hanno impedito la formazione di coppie e branchi e dunque la riproduzione e l'insediamento stabile della specie, in Germania nello stesso periodo il ritorno del lupo dalla Polonia ha permesso l'insediamento di 12 branchi e la nascita di oltre cento giovani.