Newsletter - Download - Media - Lavora con noi - Formazione -

Programma TERRE ALTE

E-mail Stampa PDF

Capanne di Carrega - Foto di M. CanzianiIl territorio alto-collinare e montano delle quattro province (Alessandria, Genova, Pavia e Piacenza) è fortemente caratterizzato da un forte calo demografico, che negli ultimi decenni ha portato localmente anche al dimezzamento della popolazione residente, da indici di vecchiaia e di età media particolarmente elevati, nonché da redditi medi e da consumi tra i più bassi del nostro Paese.

Le crescenti difficoltà a garantire adeguati servizi e standard di qualità della vita minacciano la sopravvivenza a medio e lungo termine delle comunità insediate e, conseguentemente, di paesaggi, tradizioni, identità, prodotti e habitat semi-naturali risultato del lavoro e dell’impegno di generazioni che, insieme alle dinamiche naturali, hanno plasmato il territorio appenninico nel corso dei secoli.

Il crescente abbandono delle pratiche agricole e delle attività zootecniche sta determinando la progressiva espansione della copertura e delle specie forestali, con potenziali conseguenze importanti a carico degli elevati livelli di biodiversità legati al mosaico di habitat naturali, semi-naturali e di agro-ecosistemi di pregio che hanno caratterizzato fino ad ora questo straordinario territorio che racchiude una eccezionale concentrazione di valori naturalistici.

Tale scenario è comune a porzioni importanti dell’Appennino settentrionale. Le problematiche connesse alle comuni condizioni ambientali ed alle vocazioni naturali ed umane possono essere affrontate anche valorizzando le esperienze concrete messe a punto nell’ambito di laboratori territoriali privilegiati quali sono le aree protette, intendendo così la più vasta comunità delle Terre Alte come un ampio riferimento – anche culturale - entro il quale individuare le risposte alle proprie necessità attraverso la rielaborazione di percorsi già tracciati con successo.

L’Associazione Uomo e Territorio PRO NATURA collabora con diversi settori della società civile, con le comunità e le amministrazioni locali per l’articolazione di percorsi di sostenibilità e riterritorializzazione capaci di futuro.

I principali obiettivi dell'azione dell'Associazione Uomo e Territorio PRO NATURA sono:

•    la valorizzazione ed il rilancio del territorio appenninico, inteso come organismo vivente ad alta complessità prodotto dalla continua interazione dei processi culturali, economici, sociali e naturali che vi si svolgono;

•    la riaffermazione del ruolo centrale delle comunità locali nella definizione del proprio futuro e nella tutela e salvaguardia dei valori sociali, culturali, economici, storici e naturali del proprio territorio, con uno sguardo alle generazioni future;

•    la valorizzazione del contributo fattivo e strategico fornito dalle aree protette appenniniche – intese come veri e propri laboratori di sostenibilità capaci di elaborare ed esportare buone pratiche per la valorizzazione del territorio, con particolare attenzione alle dimensioni sociali, economiche, demografiche e culturali saldamente connesse a quella ambientale;

•    la promozione del confronto e della collaborazione tra i diversi attori coinvolti nella gestione delle risorse territoriali.

Con il Convegno Economie ed identità locali nelle Terre Alte. Giornata di confronto con le comunità locali del 20 aprile 2012, organizzato a Varzi (PV) in partnership con la Comunità Montana Oltrepo Pavese, sono state poste le basi per rilanciare una importante azione interprovinciale finalizzata alla valorizzazione del territorio delle Quattro Province, con un approccio attento alla tutela del territorio e a supporto della qualità della vita delle comunità locali.

L'Associazione Uomo e Territorio PRO NATURA avrà una parte attiva di stimolo ed accompagnamento di questo importante percorso.

Carrega Ligure AL - Foto di M. Canziani Capriolo - Foto di M. Speziari Segnaletica verso il Monte Carmo - Foto di M. Canziani Prodotti locali - Foto di L. Zamprogno Varzi - Foto M. Canziani