Newsletter - Download - Media - Lavora con noi - Formazione -

RIFORMA DELLA PAC: DELUSIONE PER UNA RIFORMA DELL'AGRICOLTURA DEBOLE E POCO ATTENTA ALL’AMBIENTE

E-mail Stampa PDF

Risaie nella Valle del Ticino - Foto di M.CanzianiIl Parlamento smentisce la sua Commissione Agricoltura bocciando le peggiori proposte ma vota comunque una riforma poco verde, nonostante le 90.000 firme raccolte in pochi giorni

Il Parlamento europeo ha votato per la riforma della politica agricola comune 2014-2020, che costituirà la base dei negoziati nell’ambito del Consiglio Europeo nei prossimi mesi. Il Parlamento ha bloccato alcuni dei peggiori provvedimenti che la Commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale del  Parlamento europeo ha cercato di far passare, ma non è riuscito a realizzare le riforme necessarie per  avere una PAC  realmente più verde e capace di proteggere la natura, premiare l’agricoltura piu’ sostenibile e  mantenere vitali le zone rurali.

La proposta originaria della Commissione europea del 2011 aveva lo scopo di stabilire il principio di premiare gli agricoltori per il mantenimento di pratiche agricole in grado di affrontare la crisi ambientale  e rafforzare  la legittimità pubblica della PAC , ma questa proposta mancava di una reale efficacia fin dall'inizio.

Maria Grazia Mammuccini portavoce delle 14 Associazioni italiane che sostengono la campagna per la riforma della PAC ha dichiarato:

"Il voto di oggi è deludente per quelli  che come noi  chiedono una profonda riforma della politica agricola. Tuttavia, è positivo  che l’assemblea plenaria del Parlamento europeo abbia  bloccato i peggiori aspetti della proposta della  Commissione per l'agricoltura e lo sviluppo rurale, compresi i doppi sussidi illegali e la cancellazione dalla condizionalità di metà dei requisiti esistenti in materia di ambiente e di salute pubblica. Tuttavia non sono state inserite adeguate misure per premiare  le pratiche agricole veramente sostenibili come l’agricoltura biologica e biodinamica né  si è fatto nessun passo in avanti per rafforzare  il secondo pilastro che è il  vero strumento  per investire in progetti innovativi per il territorio rurale. Ancora una volta si  è persa un’occasione strategica per una vera riforma della Pac in grado di dare un contributo  al superamento della crisi economica e ambientale che stiamo vivendo.

Comunicato stampa del 13.03.2013 firmato da: Associazione Italiana Agricotura Biologica, Associazione per l'Agrcoltura Biodinamica, FAI - Fondo Ambiente Italiano, Federbio, FIRAB, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Slow Food, Touring Club Italiano, FEDERAZIONE NAZIONALE PRO NATURA, SIEP-IALE e WWF


Scarica la Lettera delle Associazioni inviata il 15 marzo 2013 al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai Ministri delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e delle Politiche Europee ed al Presidente della Conferenza Stato-Regioni