Newsletter - Download - Media - Lavora con noi - Formazione -

Progetto LUPO: campo estivo di volontariato nel Parco delle Alpi Marittime

E-mail Stampa PDF

VOLONTARI, AREE PROTETTE E PASTORI INSIEME PER IL FUTURO DELLE ALPI

Supportare le attività di alpeggio fa bene anche alla biodiversità ed al Lupo: ecco la sintesi tra valorizzazione della zootecnia di montagna e il Programma di Conservazione del Lupo. Alla base la convinzione che Uomo e Lupo possano trarre reciproco vantaggio in una dimensione moderna delle Alpi.

In questa prospettiva si inserisce il primo campo di volontariato a supporto delle attività zootecniche di montagna promosso da Parco delle Alpi Marittime/Centro di Gestione e Conservazione dei Grandi Carnivori della Regione Piemonte e dalla Federazione Nazionale Pro Natura: un esempio di come l’aiuto alle economie locali alpine possa tradursi in un’esperienza formativa e di avvicinamento ad una dimensione, quella della monticazione estiva in alpeggio, tanto affascinante quanto difficile e poco conosciuta.

Un’occasione rivolta in particolare agli studenti iscritti alle facoltà di Biologia, Scienze Naturali, Agraria e Veterinaria che potranno così approfondire le loro conoscenze su due mondi solo in apparenza in contrasto tra loro e mettersi in gioco in un’esperienza stimolante e insolita. In questo senso, sono previste due giornate formative tenute dallo staff altamente qualificato del Parco ed un costante affiancamento da parte del personale del Centro.

 

Il campo è organizzato in due turni corrispondenti al periodo più delicato della monticazione del bestiame in alpeggio (16 agosto - 4 settembre e 5 settembre - 25 settembre): i volontari saranno impegnati nell’affiancamento del personale dell’Area protetta nelle attività di accertamento dei danni da predazione segnalati dai pastori e nel monitoraggio del comportamento dei cani da guardanìa di nuova assegnazione.

Questi ultimi, infatti, costituiscono - da un lato - una importante opportunità per la difesa delle greggi in quota soprattutto in contesti ambientali complessi dove la presenza del pastore non è sufficiente a garantire l’osservazione di tutti gli animali ma, dall’altro, può risultare problematica nei confronti di turisti e fauna selvatica. Il monitoraggio del comportamento dei cani, dunque, costituisce un contributo importante nell’orientamento degli indirizzi gestionali degli animali nell’ambito di uno dei programmi di conservazione del Lupo più importanti mai attivati in Europa.

Per informazioni e iscrizioni
www.pro-natura.it – www.parks.it/parco.alpi.marittime
Associazione Uomo e Territorio Pro Natura
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - 348.90.38.330