Newsletter - Download - Media - Lavora con noi - Formazione -

Operazione Cicogna bianca

E-mail Stampa PDF

La situazione in Italia e in Lombardia

Cicogna bianca - Foto di M.CanzianiIn Italia la specie è considerata migratrice nidificante (estiva) e viene classificata quale specie particolarmente protetta ai sensi della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio” (art. 2).

La popolazione nidificante viene stimata in 200 coppie (Canziani, 2010), concentrate in buona parte in Pianura Padana, intorno ai centri ed ai progetti di reintroduzione,e nelle isole e nelle regioni meridionali (in particolare Calabria e Puglia), con un generale trend lievemente positivo.

Per la Lombardia nel 2009 sono state censite 30 coppie nidificanti (Canziani, 2010).

Tra le cause del declino vengono indicati diversi fattori antropici quali la distruzione, la trasformazione e la frammentazione degli habitat di alimentazione, l'elettrocuzione, l'abbattimento dei nidi e le uccisioni illegali.

Il programma dell'Associazione Uomo e Territorio Pro Natura

Il programma di conservazione della Cicogna bianca in Lombardia, tramontata la stagione dei programmi di reintroduzione a causa di atti vandalici presso il Centro Cicogne di Zerbolò PV (che provocarono la morte di alcuni animali e la dispersione degli altri) e dal mutare delle condizioni economiche ed organizzative dei movimenti ambientalisti e delle aree protette, è costituito da diverse azioni mirate a raccogliere informazioni sulla specie, a contrastare i diversi fattori di minaccia e a consolidare condizioni ambientali idonee all'insediamento della specie.

In sintesi le principali azioni sono:
- lo studio della distribuzione delle specie e la raccolta di informazioni sulle principali minacce che interessano i siti riproduttivi e di alimentazione
- la tutela dei soggetti nidificanti, svernanti e in migrazione
- la collaborazione con gli enti gestori delle aree interessate dalla presenza delle specie
- l’informazione, la sensibilizzazione e il coinvolgimento delle comunità locali
- la sorveglianza dei nidi e la valorizzazione e protezione degli ambienti agricoli interessati dalla presenza delle specie
- la collocazione di nidi artificiali
- l'informazione e la sensibilizzazione degli enti che gestiscono linee di trasporto dell'energia elettrica

Status di conservazione

- Allegato I della Direttiva 79/409/CEE relativa alla conservazione degli uccelli selvatici
- Species of European Conservation Concern - SPEC 2, Depleted - Large historical decline
- Appendice II della Convenzione di Bonn relativa alla conservazione delle specie migratrici appartenenti alla fauna selvatica
- Allegato II della Convenzione di Berna relativa alla conservazione della vita selvatica e dell’ambiente naturale in Europa
- Allegato II della dell’African Eurasian Waterbird Agreement (AEWA)
- Lista Rossa degli uccelli nidificanti in Italia: LR – Lower Risk