Newsletter - Download - Media - Lavora con noi - Formazione -

Valle del Ticino

E-mail Stampa PDF

Ticino - Foto di D.FurlanettoCon i suoi 91.410 ettari di estensione, quella della Valle del Ticino è la più importante ed estesa fra le aree naturali dell’intera Pianura Padana. Nel dicembre 2002 i Parchi del Ticino lombardo e piemontese sono entrati a far parte della rete di oltre 400 Riserve della Biosfera che l’Unesco ha individuato nell’ambito del programma “Man and Biosphere”.

Nel settore lombardo del Parco del Ticino sono stati individuati 14 Siti di Importanza Comunitaria e una Zona di Protezione Speciale, per una superificie totale di circa 24.000 ettari.

Un corridoio ecologico a cavallo tra Piemonte e Lombardia, che connette le colline moreniche del Lago Maggiore con la pianura irrigua che giunge fino al Po. Il suo paesaggio varia nelle forme e nei colori, e restano ben visibili le rapide trasformazioni che l’uomo ha praticato su questi territori. Lungo la valle si susseguono fontanili, grandi opere idrauliche – quali i Navigli e i canali industriali, risaie e marcite, cascine, mulini, boschi di conifere e planiziali, brughiere, zone umide, visitabili grazie alla rete di itinerari ciclo-pedonali che si snodano all’interno del territorio del Parco del Ticino.

La Valle del Ticino offre però anche un patrimonio forestale di immenso pregio. Lungo il fiume azzurro è ancora presente, infatti, una delle foreste di pianura più estese d’Europa, che necessita però di una maggiore attenzione e una migliore tutela.

Lontra - Foto di V.RizziL'Associazione
Uomo e Territorio Pro Natura sottolinea le enormi potenzialità di questo polmone verde, per la sua ricchezza di biodiversità, il fondamentale contributo nel mitigare le emissioni di inquinanti in atmosfera e il rilancio dell’economia locale attraverso forme di ecoturismo che promuovano l’uso della bicicletta e di altre forme di mobilità dolce all’interno dei boschi e degli abitati della Valle.

Tutelare il Ticino e la sua valle significa tutelare e difendere il corso del fiume e la sua preziosa e strategica riserva di biodiversità vegetale e faunistica, ma anche valorizzare le sue bellezze naturali e le valenze culturali anche mediante il coinvolgimento attivo delle comunità locali e la valorizzazione di economie locali che trasformino i necessari vincoli da limiti ad opportunità.

Questa è la sfida che ci attende per i prossimi anni…

Capriolo - Foto di M. Speziari Cicogna bianca - Foto di M. Canziani Risaie nella Velle del Ticino - Foto di M. Canziani Cavallo Camargue al pascolo brado - Foto di M. Canziani Lycaena dispar - Foto di N. Canovi